fbpx
COSCIENZA
COSCIENZA

COSCIENZA

Varela e i suoi collaboratori (ad esempio, Thompson e Varela 2001; Varela et al. 1991) hanno proposto che la coscienza è incarnata, coinvolgendo una relazione reciproca bidirezionale tra il cervello e il corpo. Inoltre, suggeriscono che la coscienza è incorporata in un contesto ambientale. La coscienza attraversa quindi le divisioni cervello-corpo-mondo piuttosto che essere semplicemente situata nella testa. Una revisione di Cauller (1995) ha scoperto che le aree sensoriali primarie, che sono centrali per l’elaborazione cosciente, sono anche zone di convergenza delle influenze corticorticali dall’alto verso il basso (Il flusso di pensieri) con il feedback sensoriale dal basso verso l’alto (Posture, movimenti, respiro).

Nella pratica, al di la delle definizioni scientifiche, l’attenzione a quello che ti dice il corpo e la consapevolezza delle interazioni tra quello che hai dentro di te e quello che succede fuori, sono centrali nella definizione della convinzione che tu hai nei tuoi talenti. 

L’integrazione equilibrata tra flusso di pensieri, stimoli esterni e sensazioni corpoee avviene nella corteccia prefrontale centrale, un’importante regione del cervello che permette una buona regolazione del corpo e facilita le sintonizzazioni interne e interpersonali. Quando migliora la tua regolazione emotiva, tutto il corpo fa parte di questo processo e ne trae beneficio, insieme a tutto quello che hai intorno, relazioni comprese.

La mente diventa quindi un sistema dove una quantità enorme di processi elabora informazioni da dentro e da fuori. II flusso costante di comunicazioni tra cervello-corpo-mondo rende questo sistema interdipendente e complesso da definire.

E’ solo l’allenamento ad una costante comunicazione tra mente e corpo che aumenta la consapevolezza dell’interazione degli stati del corpo con i processi cognitivi ed emotivi.

Ogni cambiamento nell’interazione con persone e cose intorno a noi, ogni cambiamento nella codifica dei feedback corporei e ogni miglioramento nelle loro interazioni con i nostri pensieri facilita una maggiore competenza dell’individuo a controllare e sviluppare stati emotivi e cognitivi funzionali al suo benessere. mportanti come la flessibilità, l’intuizione, la gentilezza e la compassione.

Invia messaggio
Invia via WhatsApp
Follow by Email
Facebook
YouTube
Chiama